New Approaches to Teaching and Learning in the Digital Age

Insegnanti

Iluomo-di-spalle Programma Doppio Diploma è conosciuto e benvisto da numerosi insegnanti che hanno avuto studenti frequentanti. Questi, pur essendo il Doppio Diploma frequentato in completa autonomia dallo studente e indipendente dal percorso scolastico italiano, possono verificare in aula i notevoli miglioramenti nella competenza linguistica ma anche della crescita dello studente a 360°.

La testimonianza del prof. Borghi dell’istituto “Fermi” di Mantova, Program Director all’interno della scuola:

E’ indubbio che il progetto Dual Diploma rappresenti una grande opportunità per gli studenti delle scuole superiori.

Io insegno al Liceo delle Scienze Applicate “Enrico Fermi” di Mantova e mi occupo del progetto dal settembre scorso.

Quasi 50 studenti del mio Istituto hanno intrapreso il percorso del Doppio Diploma: sono tutti pienamente soddisfatti di ciò che stanno facendo perchè sono consapevoli che la loro conoscenza della lingua inglese potrà migliorare sensibilmente e la loro preparazione scolastica sarà molto più completa.

Agli studenti vengono offerti corsi on line strutturati molto bene, con materiali didattici di prima qualità. Le “live sessions” via skype e la possibilità di partecipare ad attività di club integrano il programma e lo rendono vario ed efficace.

Certamente i ragazzi devono saper organizzare la loro settimana, poiché l’impegno richiesto è costante. Per quanto riguarda, invece, l’impegno del docente che coordina il progetto, posso rassicurare i colleghi che intendono occuparsi del Dual Diploma in futuro, che il dispendio di tempo ed energia è molto contenuto. Si tratta principalmente di organizzare i primi incontri e di assistere i ragazzi durante il placement test ad inizio corso. Una volta iniziato il corso vero e proprio, i ragazzi  sono autonomi in tutto e per tutto e l’unico impegno del docente sarà quello di motivare  qualche studente in ritardo sulle consegne o di far da tramite tra la scuola e la sede di Verona per incontri o eventi particolari. Naturalmente si dovrà cercare di rimanere aggiornati sulla situazione degli studenti anche leggendo le e-mail che vengono spedite puntualmente dai docenti americani, ma questo non implica un eccessivo dispendio di energie. Per concludere, mi sento di poter dire ai colleghi  che intendono occuparsi di questo progetto che l’impegno è relativamente contenuto, ma il beneficio che gli studenti ne trarranno sarà davvero grande.

Paolo Borghi