Giulia, nostra doppio diplomina ha intervistato Veronica, nuovo membro del team DD! 🙂

Questa settimana si è unita a noi Veronica, ragazza molto allegra e instancabile lavoratrice piena di energie. Arrivata lunedì ha già dimostrato di sapersi inserire senza difficoltà, rendendo il clima dello studio ancora più sereno e accogliente. Ora passiamo la parola alla nostra nuova collega:

  • Buongiorno Veronica, presentati:

Ciao, mi chiamo Veronica Sanz Barrero, come avrete già capito dal mio cognome, vengo dalla Spagna, precisamente da Madrid. Mi piace molto viaggiare e imparare cose nuove sui posti che visito, incluso la lingua. Attualmente parlo correttamente Inglese, Spagnolo e Italiano. Mi piace tanto giocare a tennis e scrivere sul mio blog quando ho tempo libero a disposizione.

  • Perché hai deciso di unirti al DD?

Penso che il Doppio Diploma sia un progetto interessante che fa crescere gli studenti italiani e li aiuta per quanto riguarda il loro futuro. Se io avessi potuto farlo mi sarei senza dubbio iscritta. Mi avrebbe aiutato tanto nella scelta dell’università e a livello lavorativo, sia in Europa che in America. Sono sicura che ha una bella progettazione e per questo penso che DD sia una buona scelta lavorativa, non solo per me ma per molti altri.

  • Qual è stata la tua prima impressione?

Sono impressionata dall’atmosfera a DD così sana e amichevole e dal team di lavoro che ha reso il mio primo giorno davvero speciale. Siccome ho lavorato in tante aziende e paesi, grazie a questo ho avuto modo di sperimentare diversi ambienti lavorativi e so che è molto importante avere colleghi che ti diano la possibilità di imparare qualcosa di nuovo e di crescere ogni giorno.

  • Pensi che riuscirai ad adattarti in fretta?

Dal mio punto di vista ci sono molte cose da imparare, però in base alla mia esperienza so che per adattarsi presto servono motivazione, positività e una bella squadra. Penso di avere tutto! In particolare un ottimo team: Elena, Marco, Kay e Raffaella.

  • Ti piacerebbe un giorno fare da tutor ad un ragazzo venuto a fare l’alternanza?

Sì, certo. Penso che sarebbe utile anche per me scoprire i punti di vista dei più giovani visto che sono loro il target del DD. Mi piacerebbe conoscere la sua visione, aspettativa scolastica e lavorativa, per orientarlo al meglio con la mia esperienza e per capire a fondo come possiamo migliorare e sviluppare un rapporto sempre più stretto.

  • Se avessi avuto la possibilità di frequentare il doppio diploma quali corsi avresti scelto?

Se fossi stata un’alunna del DD tra i vari corsi disponibili avrei sicuramente scelto Turismo e Psicologia, adesso sceglierei Criminologia per curiosità o Fotografia per utilità sui social media.

  • Ti piacerebbe fare il viaggio a Miami?

Dal mio punto di vista non c’è niente di meglio che visitare posti nuovi con la gente del posto, scoprendo così nuove realtà e culture. Sono convinta che ogni viaggio ti aiuti a crescere, permettendoti di imparare cose nuove che nessun’altro ti avrebbe mai potuto insegnare. Per questo dico che non vedo l’ora di prendere l’aereo e tuffarmi in questa nuova avventura insieme ai miei nuovi colleghi e ai ragazzi del DD.

  • Cosa ti ha spinto a venire in Italia?

Ho sempre sognato di vivere all’estero, e per questo mi sono trasferita tante volte in diversi paesi come Olanda, Svezia o Australia. Pensavo di essere più efficiente a livello lavorativo e più felice essendo luoghi più avanzati e diversi dalla Spagna.

Però mi sono accorta che non serve andare troppo lontano per trovare delle ottime opportunità e in più, delle belle tradizioni, il Mediterraneo e delle relazioni sociali più strette rispetto ad altri paesi in cui sono stata. Per quanto riguarda l’Italia, essendo un paese diverso dal mio rimane una bella sfida per me, però circondata da tutti quegli aspetti che mi mancavano all’estero.

  • Hai incontrato molti cambiamenti da quando sei arrivata in Italia?

Solo le piccole cose.

Ovviamente ci sono grandi differenze culinarie tra la Spagna e l’Italia, a parte di la guerra tra il miglior vino o prosciutto (jamòn), ho scoperto anche piatti di cui non conoscevo l’esistenza. Mi aspettavo anche di avere gli stessi orari, invece in Spagna siamo abituati a mangiare molto più tardi rispetto a qui. Altra differenza è l’orario dell’aperitivo in Spagna si è abituati a mangiarlo prima del pranzo e un’altra particolarità è il fatto che qui non si può osare a chiedere di condividere una pizza. Un ultimo dettaglio è il fatto che qui in Italia quando ci si saluta si dà il bacio sulla guancia partendo dalla destra, e se ne possono dare anche tre!

Poi sono le piccole cose che fanno bella la nostra vita.

  • Hai avuto altre esperienze lavorative prima di unirti al DD?

Certo. Ho lavorato cinque anni in un’agenzia di eventi di Madrid per diversi progetti nazionali e internazionali come Account Manager. Dopo sono stata in Svezia per promuovere il turismo in Spagna anche all’estero. Tre anni dopo ho trovato un’opportunità come Brand Ambassador in una squadra che partecipava alla Volvo Ocean Race, lavorando ogni 15 giorni in un paese diverso. Durante questa avventura mi sono innamorata dell’Australia e ho deciso di andare li un po’ di tempo fino ad ora che mi sono trasferita in Italia cercando un progetto bello e interessante in cui lavorare sperando di esserne entusiasta come negli altri progetti in cui ho preso parte.

Welcome on board Veronica!